Responsive image

La lente d'ingrandimento - Ceas Nova Terra Lago di Pignola - “Osservare” la natura con un occhio attento

Pubblicata il 15/12/2016 Generali

La lente d'ingrandimento - Ceas Nova Terra  Lago di Pignola -  “Osservare” la natura con un occhio attento: questo l’obiettivo del progetto proposto dal CEAS di Pignola.

Dal “Percorso Natura della Riserva” i partecipanti hanno preso in considerazione in primis i paesaggi ambientali rappresentati dai diversi habitat: il bosco umido, la palude, il canneto, il prato selvatico, il lago grande, ciascuno con le sue peculiarità di flora e fauna messi in risalto proprio per la loro biodiversità, che si esplica anche con colori, suoni, odori, percezioni tattili. Al termine dell’avventura i ragazzi hanno “osservato” con binocoli, microscopi ecc….il micro ed il macro “mondo” appena visto.

Dagli ambienti naturali la visione del paesaggio si è spostata sul territorio circostante: pur essendo il Pantano in posizione di valle i ragazzi , ruotando lo sguardo,  sono passati  dalla visione del centro abitato di Pignola, alle vette del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano (Serranetta, Pierfaone). In senso orario la vista si è fermata verso la cava del Monte Pano, che rappresenta un forte impatto visivo, uno squarcio, una ferita enorme del paesaggio che lascia spazio a tanti punti di vista e scambi di opinioni, per continuare con il piccolo nucleo abitato, la campagna coltivata con il fagiolo “ross’ scritt’”, il bosco di querce in posizione collinare. Poi lo sguardo è andato verso  altri ambienti rurali con case sparse, seminativi, pale eoliche che  ormai sono una componente immancabile del paesaggio, dalle più vicine al lago fino a quelle sul monte Li Foj, dove sembrano recarsi in processione verso il baluardo del complesso di antenne. Solo la splendida vista del lago compensa le differenti  sensazioni suscitate dagli ambienti antropizzati.

 




Escursione di gruppo e avvistamento di animali, osservazione del paesaggio
Scoperta della riserva escursione di gruppo e raccolta tracce
Osservazione del micromondo nascosto nella riserva



0 Commenti